Le azioni del Distretto 2060 per Acqua e Salute

1_7cEQum7q5l6pqJvE1pb3GwHXQ9JqFc3s3QPnfQ9OQ

Il PDG Renato Duca durante la relazione

Che il PDG Renato Duca fosse preparato, bravo oratore, rotariano di riferimento assoluto per tutti, di una disponibilità eccezionale lo sapevamo da tempo.

Ma giovedì 24 gennaio nel Caminetto dal titolo“ Le azioni del Rotary e del Distretto 2060 per acqua e salute ” ha saputo dimostrare qualità di apparente improvvisazione (cause tecniche: proiettore non c’è e la sua conferenza era con oltre 100 immagini!) in realtà di grandissima capacità di dominare la materia.  Che , senza appunti e powerpoint , e pur su materia vasta e difficile  ha interessato  molto i presenti raccontando con calma e chiarezza e  conquistando l’uditorio  sapendolo  portare su temi anche settorialmente noti ma che così presentati,  in modo organico e coordinato , hanno impressionato tutti e molto stimolato i soci.Il Rotary International da quasi sempre ha tra le priorità gli aiuti ai paesi ed alle popolazioni poveri d’acqua o con insufficienti sistemi irrigui e di potabilizzazione : con service diretti dei Club ma soprattutto con Matching Grant ( cip di alcuni  clubs vicini, controcip del Distretto, raddoppio totale della R.F.) hanno saputo intervenire in modo significativo quasi ovunque nel mondo.

Anche il nostro Club è stato partecipante, promotore, progettista ed esecutore ( assieme ad altri Clubs limitrofi) di alcuni significativi progetti a favore di Africa  ed Asia per migliorare  locali situazioni fortemente deficitarie.

In Kenya abbiamo promosso il  “Iriamurai school and water project” nella Diocesi di EMBU sviluppando la progettazione e coordinando l’esecuzione di semplici sistemi di captazione d’acqua , accumulata in serbatoi e distribuita ai fondi irrigui di piccoli lotti di terreno coltivato da circa 100 famiglie. Con tale progetto si è contribuito alla sussistenza della popolazione ed a piccoli guadagni utili anche per mantenere la scuola della missione locale. Sempre in Kenya un altro service pluriClub con un Matching Grant della R.F. ci ha visto collaborare per uno sbarramento e raccolta d’acque piovane con serbatoi di deposito a servizio di fontanili utili alle risorse idriche per le popolazioni dell’ Mbeere District .

Qualche anno prima avevamo collaborato per un vasto progetto nello  Zimbabwe con altri Club  ed uno locale,  detto “Water for food”  per captare l’acqua del fiume a molti chilometri dai villaggi che la usavano con lunghissimo percorso ( da parte delle donne,  rigorosamente) , poi imbrigliata in bacini di terra con filtraggio e rete di adduzione e  prelievo d’acqua potabile e per  l’ irrigazione , con  implementazione  della produzione  agricola legata ai bisogni dell’Ospedale di  Zimbawe.

Recentemente poi con il Club di Gorizia è stato realizzato un service per MAITRI in India a favore dell’ospedale locale (già lebbrosario) con rinnovo dei sistemi di continuità elettrica per le pompe dell’acque potabile e decalcificatore della durissima acque , fonte di malattie per i locali.

Purtroppo se con azioni locali si può provvedere a puntuali miglioramenti della scarsa risorsa idrica e della potabilizzazione dell’acqua con grossi vantaggi per la salute delle popolazioni, il bene “acqua” è soggetto a gravissime speculazioni e conflitti di nazioni confinanti. Si tratta dell’egoistico uso dell’acqua dei grandi fiumi che passano per più stati per cui quello a  monte spesso interviene per sfruttarne ad uso irriguo o energetico le portate sottraendo la risorsa ai paesi a valle. Dal Sud-America alla Cina questo problema internazionale affligge villaggi e territori agricoli indifesi. Ma la “privatizzazione” dell’acqua colpisce anche noi: le concessioni sull’acqua del sottosuolo alle multinazionali dell’acqua minerale che le Regioni , anche in Italia fanno ,  alle volte  hanno spesso  drammatiche conseguenze sui  paesi già serviti dalle fonti ora compromesse da scopi industriali. A ciò si aggiungono le enorme difficoltà del controllo sull’inquinamento delle acque e loro uso che spesso pur ben note non si riesce ad eliminare con compromissione del ciclo  dell’acqua.

Sempre interessantissima è stata la seconda parte della conferenza di Renato dedicata a casa nostra, l’Isontino. Con l’autorevolezza dello studioso come pochi ha esposto notizie e fatti a molti non conosciuti (soprattutto nella loro interezza) sulla regimentazione screditata dell’Isonzo , sul suo inquinamento da mercurio proveniente dalle miniere slovene di Idria, sull’inquinamento ancora derivante dall’imbrigliamento ottocentesco della cloaca goriziana, sulle perdite d’acquedotti d’acqua potabile , sulla situazione igienica per nulla tranquillizzante dei canali di Monfalcone. Ne risentono i costi dell’acque civile ed industriale, la salute pubblica e l’ambiente.

E così ha concluso : “ l’acqua è una risorsa vitale per l’Umanità, che va assolutamente preservata per le generazioni future. Una cooperazione internazionale per la sua tutela è possibile e praticabile. Ma va anche difeso il principio della sua condivisione equa e razionale, per cui la privatizzazione e la mercificazione non sono certo la soluzione” .

Per scaricare la relazione completa clicca qui

Dibattito con molte pertinenti domande che hanno dimostrato come le professionalità presenti nel Club sul tema gli permetterebbero certamente di rotarianamante contribuire alla conoscenza pubblica di temi così importanti.

M3yTxiqBmftDBVWHwSTMs-YcmW1htimIKsusGE1h_7c

L’intervento più che qualificato dell’Ing. Massimo Battiston

La presenza graditissima come ospiti del Club degli incoming Presidente Bruno Pinat e VicePresidente Giovanni Pamich del Club di Gorizia ha contribuito alla gioiosità della serata. In cui con gesto apprezzatissimo da tutti a nome del Club e di Alide , Renato Duca ha pubblicamente ringraziato Francesco per il discreto, efficiente ed apprezzato lavoro di Prefetto. Un sigillo rotariano per il suo Studio è stato il segno tangibile per un amico impegnato a servire  il Club.

2Nml2cdLScwa2_hdq3RPSPKZPU6b4h93Pl20G4qOlzI

L’Incoming President Augusto Pinat e il decano Giovanni Pamich del RC Gorizia in gradita visita al nostro Club

i-1BuHzw4WIZSFOHqyT0Erjg4HezCLfsiGi9hS-IbY4

Il Prefetto Francesco de Benedittis riceve il riconoscimento dalle mani del PDG Renato Duca

Questa voce è stata pubblicata in Conferenze e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...